ISLAM

GIUSTO VIETARE IL  BURQA 

Condivido pienamente - esordisce Silvia Ferretto Clementi, consigliere regionale di AN - tutte le iniziative volte a far rispettare il Regio Decreto 773/1931 art. 85 che vieta espressamente di circolare per strada con il volto nascosto, e quindi, evidentemente, con il burqa.

Detto questo, non condivido per˛ la legge francese che bandisce dalle aule scolastiche i simboli religiosi e vieta lo chador.  Credo infatti che tale provvedimento, oltre ad essere espressione di un insensato fanatismo laicista, sarebbe anche difficilmente giustificabile e comprensibile, se non altro considerato il fatto che nelle aule scolastiche vengono liberamente e quotidianamente esibiti ombelichi - e non solo.

La vicenda del velo islamico e del burqa - prosegue l'esponente nazionale di AN - non deve trasformarsi in un motivo di scontro tra civiltÓ. 

Il rispetto reciproco e la libertÓ devono essere tutelati ma sempre e comunque nell'ambito di quanto previsto dal nostro ordinamento giuridico. Il divieto all'utilizzo del burqa, previsto dalla nostra normativa, ha l'evidente obiettivo di tutelare la sicurezza dei cittadini e dello Stato e deve essere assolutamente rispettato e fatto rispettare su tutto il territorio nazionale.

Per tutelare la nostra incolumitÓ, inoltre, considerato che l'Italia, come pi¨ volte ripetuto dai fanatici e dai terroristici islamici, Ŕ da tempo a rischio attentati Ŕ indispensabile, non solo utilizzare tutti gli strumenti e le normative giÓ a disposizione ma anche predisporne di nuovi per combattere con maggiore efficacia questa forma particolare ed infida di terrorismo, da troppe parti sottovalutato.

Proprio a questo proposito Silvia Ferretto, qualche mese fa, ha presentato una proposta di legge al Parlamento che prevede l'estensione dell'accusa di terrorismo anche a chi agisce da solo (come i kamikaze) o a chi "collabora" con i terroristi e l'istituzione del reato di reclutamento di persone per scopi terroristici.

Obiettivo del provvedimento: colpire la "rete" fin dalla sua "periferia" pi¨ remota. 

Milano, 21 settembre 2004